Terra d’Abruzzo, quant’è bella, per la Majella!

Ho una moglie abruzzese, una sorella che vive a Pescara da circa 15 anni e sono un divoratore seriale di arrosticini: mi sembrano tutte delle validissime ragioni per decidere di scrivere un post sull’Abruzzo, no?
E poi il blog è mio.

Gli arrosticini, intanto, andrebbero dichiarati Patrimonio dell’Umanità ed esportati in tutto il mondo.
Invece, essi continuano misteriosamente a rimanere confinati nella loro regione di provenienza, come fossero lingotti d’oro rinchiusi nel caveau della Banca Centrale Europea.
Immagino che, dopo questa mia dichiarazione, i commenti dei lettori che riescono a mangiare arrosticini persino in Alaska, a Juneau, in offerta dal macellaio sotto casa, spunteranno come funghi (velenosi).
In Florida no.
Probabilmente, qui sono convinti che le pecore siano animali leggendari tipo gli unicorni ed è considerato un crimine contro l’ovinità anche solo pensare di sfiorarle con una margherita. 

Un raro esemplare di pecora floridense, mimetizzato da unicorno per sfuggire ai suoi predatori umani. (Per gentile concessione di Corinne, 5 anni.)

Un raro esemplare di pecora floridense, mimetizzata da unicorno per sfuggire ai suoi predatori umani. (Su gentile concessione di Corinne, 5 anni.)

Ma poi siete mai stati a mangiare del pesce fresco su un trabocco?
Come sarebbe a dire cos’è un trabocco?!? 

Immagini Trabocchi

Però! I grandi e irreprensibili trabocchi abruzzesi! Non sapevo facessero anche pesce fresco! (Semicit.)

L’Abruzzo è una terra meravigliosa sotto l’aspetto paesaggistico (marino e montano), enogastronomico, sociale: il popolo abruzzese è ospitale, spassoso, conviviale. Per non parlare poi della bellezza delle donne abruzzesi! (Questo posso permettermi di scriverlo solo perché ne ho spsata una, altrimenti a quest’ora sarei già passato davanti all’Inquisizione e finito nella stanza delle torture, prima di essere messo al rogo).

Ho avuto la fortuna di esplorare l’Abruzzo in lungo e in largo, in tanti anni di viaggi.
Tra i molteplici luoghi stupendi che sono riuscito a visitare, ricordo con una punta di rimpianto il lago di Scanno. È uno splendido specchio d’acqua incastonato tra i monti dell’Appennino centrale.  
Tornato da quelle vacanze, ho scoperto che la mia collega vicina di scrivania era anche lei abruzzese.
Allora, le ho raccontato tutto entusiasta della mia gita:

“Sai, ho visitato un borgo meraviglioso tra le montagne, affacciato su un lago che è circondato da un percorso pedonale ad anello dove puoi passeggiare tutto intorno al suo perimetro. Fantastico.”

“Ma dai? Che borgo?”

“Scanno.”

“Scanno? Io sono proprio di Scanno! I miei nonni vivono ancora lì, hai visto che bello il lago a forma di cuore?”

“COOOOSA?!?”

Lei mi ha mostrato delle foto su Google ed effettivamente, se avessimo pensato di salire poco più su, sulle alture circostanti, avremmo ammirato un cuore d’acqua unico e spettacolare… 

Lago di Scanno

D’HO!!!…

P.P.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...