Nomi e soprannomi italo-americani (storpiati)

chuttersnap-JChRnikx0tM-unsplash

Photo by chuttersnap on Unsplash

Il mio soprannome, Pit, con cui la maggioranza degli amici italiani mi conosce e mi chiama affettuosamente, ha avuto origine circa in terza elementare, quando avevo 7-8 anni. In seguito alla prima lezione di inglese, dove ci fu insegnato a dire “I am Pietro, I am a boy”, e “I was born in…”, una mia compagna, sorpresa dal mio luogo di nascita (Pittsburgh), mi ribattezzò per scherzo “Peter“, e la cosa fu seguita poi da tutti i compagni. Col tempo, per comodità, il soprannome fu abbreviato in Pit e rimase così per sempre, tanto che alcuni non sanno nemmeno che il mio vero nome sia Pietro (!).

Non ho usato a caso l’avverbio “affettuosamente”, qualche riga più su: persino mia moglie, infatti, è solita chiamarmi Pit. Quando mi chiama PIETRO, significa che l’ho fatta grossa e, prima ancora di sapere esattamente cosa, so già che dovrò affrettarmi ad acquistare un volo per il Messico, o chiamare un avvocato. Nella peggiore delle ipotesi, ossia quando non ho a portata di mano né un computer per procedere all’acquisto immediato del biglietto, né un telefono per contattare il legale, mi limito ad alzare subito le mani in alto e mooolto lentamente le poggio sul cofano dell’auto più vicina, senza mai voltarmi, o fare gesti inconsulti.
Capirete che non sono più abituato a sentirmi chiamare Pietro, quindi.
Ora. Arrivato in USA, mi sono presentato a tutti col mio nome di battesimo.
Anche perché, ve lo immaginate se, appena giunto in terra americana, col mio aspetto assolutamente italico, mi fossi presentato a tutti con: “Hi, my name’s PIT!” 😎
Lo splendido, proprio.
Comunque, nel sentire per la prima volta il mio nome di battesimo, le reazioni degli americani sono state le più assurde e impensabili: lo sforzo di pronunciare la parola “Pietro” da parte degli americani è encomiabile, tanto quanto vano e… buffo il risultato, come del resto la loro espressione basìta, quando sentono per la prima volta questo suono, per loro affatto familiare, se non addirittura esotico. La cosa più incredibile, per me, è che a trovare maggiori difficoltà, in realtà, sono gli ispanici, i quali storpiano il mio nome in “Prieto”, o “Preto” e ridono perche’ non riescono a pronunciarlo proprio correttamente, nonostante si sforzino, mentre io glielo sillabo lentamente come se parlassi a dei bambini in età prescolare: “Piè…-tro!”.
I primi tempi, cercavo di calmarli e, agli americani anglosassoni, dicevo con un sorriso:
“You can call me Pit. It’s easier!”.
Ma loro insistevano: “NO! Piiitro!…”
Insistevo a mia volta: “Just call me Pit. Seriously.”
E loro ancora: “Piiiitro!…”
E io, sforzandomi di mantenere la calma: “CALL ME PIT. IN ITALY EVERYBODY CALLS ME PIT. DON’T WORRY.”
E loro, sorridendo imperterriti: “Piiiitro!”
Agli ispanici, per far capire loro, spiego tra l’incredulo e lo stupito: “Like Pedro! C’m on, guys!”.
Ma niente.
Va bene, alla fine lo sapete che gli americani anglosassoni hanno talmente insistito a chiamarmi col mio vero nome che ora lo hanno imparato e mi chiamano correttamente (anche se con la r americana, ovvio) “Pietro”?
Quindi, ora mi ritrovo a vivere questo paradosso assurdo, ossia che per circa 40 anni mi sono abituato a sentirmi chiamare col mio (sopran)nome in inglese, pur vivendo in Italia, mentre, ora che vivo negli Stati Uniti, tutti mi chiamano con il mio nome italiano, rifiutandosi di chiamarmi Pit!
Mah!… Roba da “Il fu Mattia Pascal”!
Con i nostri “cugini” ispanici, invece, ho perso le speranze… Non ce la possono fare… pazzesco.
Ma se mi fossi chiamato, chessò io, Venceslao, o Gismondo, cosa sarebbe successo?
Vabbè, saluti da:
Pitro
D’HO!…
Prieto
D’HO!…
Preto!
D’HO!…
Pit
P.P.

Un pensiero su “Nomi e soprannomi italo-americani (storpiati)

  1. Pingback: Si scrive New York, si pronuncia Miami – USA Coast to Coast

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...